ECOLOGIC

15.8.17

microbiome — Lightdrop

microbiome — Lightdrop

microbiome

brain-gut connection

There are trillions of reasons to be happy. Many of them, it turns out, are in your gut.

The bacteria living in the digestive tract outnumber your human cells 10:1. You probably intuitively understand that keeping your microbiome healthy can improve your digestion and immunity, but most wouldn't expect it to influence your mental health.

According to the  American Psychological Association, gut bacteria produce about 90% of the serotonin (the neurotransmitter regulating mood and impulses) in your body, along with neurochemicals that the brain uses to moderate physiological processes – including learning and memory.

This explains why people with gut issues like Irritable Bowel Syndrome actually have higher levels of anxiety and depression, and why a high fibre, plant-based diet can be part of the treatment for mental health issues.

So while you walk around, there are trillions of microbes hitching a ride with you. Every time you eat a meal, pet an animal, or put on cosmetics, you're affecting the environment they live in. And this, in turn, impacts your psychological wellbeing. So let's look at a few ways you can keep them happy and improve your physical and mental health.

Exercise

Regular physical exercise provides many health benefits, including protection against chronic disease and improved mental health. And if you follow a regular workout routine, you know that you simply feel better when you're active.

The surprising thing is that this seems to be at least partially caused by the exercise modifying and improving your gut flora.

Scientists have proposed that physical exercise is able to modify gut microbiota in a way that promotes well-being. In other words, people who move more have a more diverse microbiome. Getting the recommended 150 minutes of exercise per week increases health-promoting bacteria in your gut, and, in turn, your well-being.

Eating behaviors

Cravings for foods high in fat and sugar are a fact of life for many people. Unfortunately, these unhealthy eating patterns can increase our risk for health problems like obesity, diabetes, heart disease and cancer.

Changing eating habits and fighting cravings is a challenge for most people. We tend to blame lack of self-control when we fail, but the reason might actually lie in the microbiome. In other words, your cravings might not be your own, but the cravings of your gut bacteria!

An evolutionary conflict is said to exist between human hosts and microbes in our gut, because those microbes in the gut may have differing food preferences than the host. And these gut microbes can manipulate the host's eating behaviour in ways to promote their own fitness to survive – even if this is at the expense of the host's health.  

This is one challenge that arises from an otherwise symbiotic coexistence between our bacteria and us: the food preferences of the microbiome aren't always in the best interest of the human host. The good news is that, just like the microbiome, cravings can be changed.

Strong resolve helps, but the real trick is replacing unhealthy food with plenty of food that promotes healthy gut bacteria, such as the whole (i.e. unprocessed) plants. It's a positive reinforcement cycle that ultimately leads to healthier cravings, and with the right recipes, it can be just as delicious as the empty, junk food calories.

Plant-based Foods, Pre- and Pro-biotics

The most important nutrient your gut needs is fibre, which can only be found in plant-based foods, particularly those that are unprocessed or minimally processed. Plants literally give your gut microbes something to chew on.

Most people lack this important nutrient, but hardly anyone talks about it. Increase the fibre in your diet and you and your gut will start feeling happier right away. It's a prebiotic, and even though it's not digested, it promotes the growth of good bacteria.

Another great way to help your microbiome are probiotics. These are foods that actually contain healthy, or "good," bacteria, and can have beneficial effects when eaten in the right amounts. Once they're inside your body, the good bacteria multiply and help keep your microbiome in balance.

5 Microbiome-Boosting Foods

  1. Sauerkraut, an Eastern European staple, is packed with probiotics. You'll get the most benefits if you can find it unpasteurized, or make your own, because pasteurization kills some of the good bacteria. Please do ensure that you follow proper food safety procedures when preparing your own fermented foods.

  2. Sourdough bread is made with a fermentation process that uses a sourdough starter, which contains a probiotic called 'lactobacillus.' You can find it at farmers' markets and most health food stores.

  3. Olives have serious probiotic potential. They are fermented and then cured with brine. It's the curing process that allows the probiotic cultures to multiply, making them a gut-healthy garnish for salads, pastas, and pizzas.  

  4. Kombucha is a slightly sweet and fizzy liquid that has been brewed for thousands of years. You can buy it or make your own. Kombucha comes from fermenting black tea with a mushroom-like colony called "scoby." There's been a surge in popularity lately, so you're likely to find a variety of brands producing a range of flavors in your local grocery.

  5. Tempeh is a fermented soybean dish that originates from Indonesia. It's firmer than tofu with a mild, nutty flavor and texture. It's less processed than tofu, and thanks to the fermentation process, it's a good source of probiotics.

Improving your microbiome and your mood is just one of the benefits of a whole-foods, plant-based diet. Try these simple shifts and you should start noticing the changes within a few weeks.

Click here to see the latest posts by Dr. Fergusson and the Lightdrop Team.

La pista ciclabile del Reno

La pista ciclabile del Reno

La pista ciclabile del Reno

Austria, Francia, Germania, Itinerari, Svizzera • di

Se lungo la strada udite un canto, non rallentate per ascoltarlo, ma pedalate veloci lontano da lì: è il canto di Lorelei, ondina del Reno, una ninfa capace di attrarre con la sua voce marinai e affini per trascinarli verso una fine sciagurata.

pista ciclabile del reno

Se si tratti di leggenda o realtà, lo potete scoprire lasciandovi affascinare dai miti e racconti che si possono ascoltare lungo la pista ciclabile del Reno: da sempre questo fiume – tra i più lunghi d'Europa – è teatro di leggende e storie romantiche ricche di suggestioni, e i 1233 km di ciclabile saranno il vostro narratore.

pista-ciclabile-del-renoLa Rheinradweg, ciclabile del Reno, attraversa Svizzera, Liechtenstein, Austria, Germania, Francia e Olanda, dalla sorgente alpina, presso Andermatt, fino alla foce a Rotterdam, nei Paesi Bassi.
Solo una piccola parte del percorso attraversa la Francia, nella regione dell'Alsazia, tuttavia la maggior parte del Reno scorre in Germania e la pista lo costeggia su entrambe le rive, incontrando lungo la strada una miriade di diverse sfaccettature naturali, paesaggistiche e culturali.

Centri storici si alternano con aree naturali (come ad esempio le regioni viticole nel Palatinato) e con grandi città come Kohln e Dusseldorf; città vivaci come Duisburg, con il suo grande porto fluviale e le sue industrie, si alternano e paesaggi rurali come quelli del Basso Reno.
Il percorso va a toccare luoghi magici e meravigliosi, dove rivivono alcune delle più famose saghe mitteleuropee: a Köln si incontrano gli gnomi, le avventure di Sigfrido e l'oro dei Nibelunghi, a Bingen la torre dei topi dove scappò il il vescovo di Magonza, a Marksburg un castello abitato da un fantasma medievale…

In bicicletta lungo il Reno si possono inoltre ammirare numerosi castelli, fortezze medievali e palazzi; i più belli si trovano nella Valle del Medio Reno, e precisamente nella parte tra Bingen e Koblenz, dove la valle si restringe per formare la Gola del Reno, tratto dichiarato nel 2002 Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco.

A seconda delle regioni attraversate le piste seguite sono: in Svizzera e Germania, la Rheinroute N2 o D8 che comprendono alcune piste ciclabili regionali, in Francia invece segue il percorso internazionale sul Reno Basilea-Magonza.

Recentemente l'ECF ha pubblicato una guida ala pista ciclabile del Reno, con informazioni utili a pianificare il viaggio nei dettagli (soprattutto per quanto riguarda i servizi ai ciclisti come hotel e punti per la riparazione). E' disponibile al momento solo in inglese.

Traghetti

La pista ciclabile del Reno si snoda sia sulla riva destra che sinistra, per questo è cosigliabile utilizzare dei traghetti (laddove non vi sono ponti) per esplorarle entrambe.
Esistono imbarcazioni piccole che trasportano solo pedoni e biciclette, ma anche su quelle grandi è possibile caricare la bici.

Vi sono sia compagnie stagionali, sia compagnie che navigano tutto l'anno.
Le principali sono:
– da aprile ad ottobre
BPS
KD
– annuali
reeser
w-flotte
Ecco la mappa del servizio traghetti

Il consiglio è quello di prendersi del tempo per visitare sia l'una che l'altra sponda, con le meritate pause nei ristoranti locali, che in quanto a vino e gastronomia sono superbi.

La ciclabile è a difficoltà medio-bassa, ben segnalata e quasi sempre sterrata (ma ottimamente battuta) e riservata alle bici, con pochi tratti in salita.Perfetta anche per le famiglie, oltre che per le tappe che possono essere brevi (s'incontra sempre una città o paese dove alloggiare) anche perché può essere alternata con tratte treno + bici facilmente consultabili sul sito ufficiale delle ferrovie tedesche, ricordandosi di selezionare il trasporto bicicletta.

Mappa

Traccia GPS gps-Appia-Antica Mappa kml mappa-cammino

Libri

santiago-bici-libro francigena-bici-libro danubio-ciclabile-libro loira-ciclabile-libro Tweet

Articoli correlati

10 Colazioni sane energetiche vegetali 10 ricette facili

10 Colazioni sane energetiche vegetali 10 ricette facili

10 Colazioni sane energetiche vegetali

Oggi voglio parlare di 10 colazioni sane energetiche vegetali, perchè sappiamo tutti quanto sono importanti le colazioni, ma a volte la nostra fantasia non ci viene in soccorso, con la fretta di prepararci per andare al lavoro.

Arricchiamo la nostra colazione con muesli, frutta secca, frutta fresca, semi oleaginosi, curcuma, smoothie, esratti, budini di riso o cereali. Cliccate sulla foto per le relative ricette

GIORNO 1 – COLAZIONE KOUSMINE O CREMA BUDWIG
Voglia di disintossicarsi e allora al mattino prepariamoci la fantastica crema Budwig con la frutta di stagione.
Basta dare un rapido sguardo agli ingredienti per capire l'eccezionale valore alimentare della crema Budwig.

Colazione Kousmine o crema Budwig

GIORNO 2BIRCHER MUESLI

Oggi facciamo colazione con la Bircher muesli ricetta originale del Dottore svizzero Bircher che già dal 1900 curava i suo pazienti con frutta e verdura cruda.  L'elemento più noto della sua creazione fu il «pasto dietetico a base di mele», o semplicemente «il pasto», oggi meglio conosciuto come Bircher Müesli. Ispirato ai pasti consumati dai pastori svizzeri, dal 1900 circa questo piatto a base di vegetali crudi venne servito nella sua clinica privata.

Bircher muesli ricetta originale

GIORNO 3 –  SPEEDY BISCOTTI ALLA BERRINO  

Il tempo di fare una doccia al mattino e possiamo preparare gli speedy biscotti alla Berrino, con solo tre ingredienti sani, integrali, senza zucchero. Qualcuno sgranocchiato con una tazza di latte vegelate, o uno yogurt di soia o un estratto e si parte con sprint

speedy biscotti alla Berrino

GIORNO 4 BUDINETTI DI RISO INTEGRALE ALLA NOCCIOLA

Una vera e propria ricetta macrobiotica, un pudding,  l'occasione perfetta per mangiare un cereale in chicco integrale. Basta avere del riso integrale cotto in frigorifero, dargli una frullatina e aggiungere quel che si preferisce, uvetta, frutta secca ecc. Una colazione così è perfetta perchè rilascia  gradualmente  del glucosio, per via del chicco intero integrale, che ci dà energia a lungo termine senza picchi glicemici. Il riso integrale ha un effetto  disintossicante e dimagrante.

.Budinetti di riso integrale alla nocciola

GIORNO 5 –  ESTRATTO SEDANO CAROTA ARANCIA 

Cominciamo a disintossicarci e fare il carico di vitamine e minerali già dal mattino con questo estratto sedano carota arancia, se siete appassionati di estratti vi consigli vivamente l libro Succhi freschi di frutta e verdura  Norman Walker  li trovate numerati ottimi per alleviare tanti disturbi leggeri

estratto sedano carota arancia

GIORNO 6 –  GRANOLA DA COLAZIONE FIOCCHI SEMI E FRUTTA 

Niente di meglio che cominciare il mattino con una buona granola fatta in casa immersa in un yogurt di soia o in una tazza di latte vegetale senza zucchero.

granola da colazione fiocchi semi e frutta

GIORNO 7 –  LATTE DI MANDORLA

Visto che ieri abbiamo preparato la granola oggi facciamoci il latte vegetale in casa – Quando si comincia a farsi in casa il latte di mandorle poi non si compera più, qui potete realizzare il Latte di mandorle a mano con estrattore o Bimby

latte di mandorla

GIORNO 8 – IL  GOLDEN MILK Non può assolutamente mancare tra le più sane colazioni del mattino.

Tutti conosciamo le innumerevoli proprietà della curcuma, pianta originaria dell'India dove è conosciuta e usata da più di 5000 anni, non solo come colorante ma soprattutto per il suo potere antifiammatorio.

golden milk

GIORNO 9  –  SMOOTHIE COCCO E LAMPONI 

cosa ci può essere di meglio che cominciare la giornata  con un fresco e morbido  smoothie  cocco e lamponi ricetta vegan? La parola smoothies deriva dall'inglese e significa vellutato, morbido.Lo smothies è il cugino sano e più ricco  dell'estratto, perché può contenere latte, nel nostro caso sempre vegetale e bio e contiene yogurt che noi metteremo di soia.

Smoothie cocco e lamponi ricetta vegan The bridge

GIORNO 10 –  PLUMCAKE VEGAN E GLUTEN FREE CON RIBES  terminiamo con dolcezza questa carrellata di solazioni sane, integrali, senza latte vaccino.

Profumo di buono in cucina, lo porta  un semplice plumcake vegan  gluten free con ribes, senza lattosio e senza glutine, per intolleranti o per chi ha voglia di mangiare leggero. Trovate poi tante altre ricette di plumcake del mattino sani e con poco zucchero nel blog.

Plumcake vegan gluten free con ribes

Con queste 10 Colazioni sane energetiche vegetali abbiamo l'opportunità di variare in salute il momento più importante per dare lo sprint al nostro organismo.


 

13.8.17

Da Monaco campagna contro l'Alto Adige: troppi pesticidi. Ira di Bolzano: li denunciamo - Repubblica.it

Da Monaco campagna contro l'Alto Adige: troppi pesticidi. Ira di Bolzano: li denunciamo - Repubblica.it

Da Monaco campagna contro l'Alto Adige: troppi pesticidi. Ira di Bolzano: li denunciamo

Hanno tappezzato la metropolitana di Monaco con manifesti che imitano quelli del marketing turistico dell'Alto Adige, ma che invece di invitare i villeggianti ad apprezzare natura e bellezze del luogo li mettono in guardia sui veleni che nelle dolomitiche vallate impregnerebbero aria, acqua e suolo. Sotto accusa è il sistema agricolo del Sudtirolo, per l'uso dei pesticidi in monocolture intensive.
 
Autori dei manifesti giganti apparsi in questi giorni sono quelli dell'Umweltinstitut München, l'Istituto Ambientale di Monaco, una Ong che si occupa di inquinamenti fondata nel 1986, all'indomani di Chernobyl, spazientiti dalla promozione dell'Alto Adige come terra della natura incontaminata, dell'aria buona, dei verdeggianti pascoli. Hanno disegnato un'imitazione del logo dell'Alto Adige e l'hanno sovrapposto alla fotografia di un trattore che passa tra i filari mentre spruzza sugli alberi una nuvola di una qualche sostanza, con lo slogan "L'Altro Adige cerca aria buona".
 
La Provincia di Bolzano non l'ha presa bene. L'intenzione è di procedere legalmente contro l'Umweltinstitut, per danni d'immagine e per l'uso del marchio. Il presidente ha fatto sapere che non permetteranno "di screditare in questo modo l'Alto Adige e in maniera particolare il settore della frutticoltura", aggiungendo che in materia di tutela ambientale il territorio si reputa all'avanguardia. E a dare ragione agli altoatesini, di fatto, c'è anche Legambiente che il 17 luglio scorso ha assegnato una delle sue Bandiere Verdi destinate a esempi virtuosi nelle aree di montagna, al Comune di Malles, nella Val Venosta, diventato celebre lo scorso anno per aver proibito nel suo territorio l'uso di pesticidi. Decisione contro cui i contadini del posto avevano presentato ricorso al Tar, che è stato bocciato proprio pochi giorni prima l'assegnazione della Bandiera di Legambiente.
 
Ma la campagna dell'associazione ambientalista bavarese rimanda a un sito aperto per l'occasione, Pestizidtirol.info, che denuncia l'uso nella regione di oltre 42 chili di pesticidi l'anno per ettaro. Sono del resto i dati che fornisce l'Istat nella sua rilevazione annuale sull'utilizzo dei prodotti fitosanitari, l'ultma a maggio 2017, che pongono l'Alto Adige fra i territori che ne fa l'uso più massiccio in Italia.

12.8.17

Spectrum: la"condanna a morte"per l' Adriatico (mentre la gente è al mare)JEDA NEWS

Spectrum: la"condanna a morte"per l' Adriatico (mentre la gente è al mare)JEDA NEWS

Spectrum: la"condanna a morte"per l' Adriatico (mentre la gente è al mare)

adriatico spectrum

Spectrum: Una condanna a morte decretata a tavolino per l' Adriatico, mentre tanta gente se la spassa in riva al mare, nel cuore di un'altra estate anomala.

Di Gianni Lannes

E' una condanna a morte decretata a tavolino, mentre tanta gente se la spassa in riva al mare, nel cuore di un'altra estate anomala, e la casta dei politicanti al servizio degli interessi stranieri vomita futilità. Comunque, si sprofonda in tutta fretta verso il disastro finale, però, con tutte le autorizzazioni previste in carta bollata dalla legalità mafiosa.

«Non è attività di ricerca»: in base a questa incredibile motivazione i giudici amministrativi regionali del Lazio hanno respinto l'istanza della Provincia di Teramo, di 7 Comuni della costa teramana e di altri 2 Comuni marchigiani contro il decreto di Via rilasciato in favore della Spectrum Geo Limited. Che quindi potrà cercare gas e petrolio in una zona che va dalle coste della Romagna fino al Salento, per poi vendersi i diritti a rubare gli idrocarburi alle solite multinazionali impresentabili come la Shell o la Total.

Si tratta di un'area vasta ben 29.910 chilometri quadrati, a cui vanno sommati altri 35 mila chilometri quadrati concessi dalla Croazia alla stessa società. E' il totale che fa la somma: 64.910 chilometri quadrati vuole dire accaparrarsi tutto il mare Adriatico, con conseguenze ambientali incalcolabili sul fronte dell'inquinamento, della subsidenza e dell'erosione costiera. Notoriamente, le estrazioni di idrocarburi minano la stabilità del sottosuolo e possono provocare terremoti. Inoltre, hanno un grave impatto sulla fauna, soprattutto a danno dei sensibili cetacei.

L'autorizzazione a devastare l'Adriatico, definita "compatibilità ambientale", è stata rilasciata dai ministri dell'Ambiente e dei Beni e attività culturali. I ministri Galletti e Franceschini (entrambi nati in Emilia Romagna), come hanno potuto dare il via libera, quando il mare Adriatico impiega un secolo per ripulire la sue acque superficiali?

L'attività è quella di prospezione descritta da due istanze presentate il 26 gennaio 2011 per altrettante aree dell'Adriatico, la d1 BP SP (per 13.700 chilometri quadrati, da Rimini a Termoli) e la d1 FP SP (per 16.210 chilometri quadrati, da Rodi Garganico a Santa Cesarea Terme) entrambe riperimetrate il 29 gennaio 2016. Gli enti locali contestavano la procedura seguita dai ministeri competenti e che ha portato al decreto favorevole di Via, fino alla mancata valutazione ambientale strategica (VAS).

Dunque per il Tar, la Via è legittima, soprattutto perché non si tratta di attività di ricerca, ma di prospezione. Secondo il noto dizionario della lingua italiana Zingarelli, il termine "prospezione" vuol dire testualmente: «esplorazione del sottosuolo condotta con vari metodi e per molti scopi». La parola "esplorazione" significa alla lettera: «indagine diretta su cose o zone sconosciute». Vale a dire, inequivocabilmente, ricerca propedeutica all'estrazione di idrocarburi di pessima qualità (petrolio amaro). Allora, queimagistrati amministrativi non conoscono la lingua italiana. Ma quei togati come l'hanno avuto il posto fisso? O c'è di peggio dietro certe inqualificabili motivazioni per distruggere l'Italia?

Il presidente della Spectrum, Rune Eng, conferma che i dati finora raccolti «Indicano una grande potenzialità della parte croata dell'Adriatico», ma invita alla prudenza: «È ancora troppo presto per parlare delle quantità ma l'Adriatico orientale è senza dubbio molto attraente per le corporations internazionali dato che il mare non è molto profondo, fatto che riduce notevolmente il costo delle piattaforme per l'estrazione, in paragone ad altre parti del mondo, come in Africa o in Brasile».

I giacimenti di petrolio e di gas, sia pure di pessima qualità, fanno gola ad una ventina di multinazionali petrolifere che hanno già acquistato dalla Spectrum  la documentazione raccolta. La Croazia ha pubblicato un primo bando per le concessioni gasiere e petrolifere. Una procedura forse un po' troppo "svelta" rispetto alle normative che l'Unione europea ha approvato dopo il disastro della Deepwater Horizon nel Golfo del Messico. Infatti il 21 maggio 2013, il Parlamento europeo ha approvato un rapporto che chiede nuovi standard di sicurezza nelle operazioni offshore di petrolio e gas e prevede norme che obbligano le aziende a provare la loro capacità di coprire i danni potenziali e dalle maree nere derivanti dalle loro attività e a presentare una relazione sui possibili pericoli e soluzioni, prima che le operazioni possano cominciare.

Ma Ivan Vrdoljak, ministro dell'Economia croato nel 2014 ha dichiarato: «Sembra che la Croazia possa essere uno dei pochi Paesi europei che possiedono molte più risorse di gas e petrolio del loro fabbisogno e potrebbe, entro la fine di questo decennio, trovarsi nella posizione di una piccola Norvegia, diventando uno snodo energetico dell'intera regione». Secondo Vecernji list l'operazione porterebbe nelle casse della Croazia fino a 1 miliardo e 300 milioni di euro in 4 anni.

Il 25 novembre 2013, l'eurodeputato Andrea Zanoni ha  presentato un'interrogazione alla Commissione europea per chiedere indagini sulle ricerche di idrocarburi che la Spectrum sta conducendo lungo le coste croate in Adriatico, denunciando «La pericolosità dei metodi impiegati, con l'emissione ogni dieci secondi di un muro di onde sonore di 240, 260 decibel che rappresentano una fonte di inquinamento acustico subacqueo con possibili effetti negativi sul prezioso ecosistema marino».

Mentre dal lato italiano dell'Adriatico la contrarietà a prospezioni e trivellazioni offshore di petrolio e gas si fa sempre più forte, la Croazia, ultima entrata nell'Unione europea, punta molto sullo sfruttamento dei giacimenti che ci sarebbero davanti alle sue coste dove è tornata la foca monaca.

Due anni fa il ministro dell'economia della Croazia, Ivan Vrdoljak, aveva invitato i giornalisti sulla Seabird Northern Explorer, la nave della compagnia norvegese Spectrum, che per conto del governo di Zagabria ha realizzato l'esplorazione delle risorse petrolifere offshore, confermando che «Ci sono forti e concreti indizi che nel sottofondo marino della parte croata dell'Adriatico potrebbero esserci ingenti risorse ancora non scoperte di petrolio e di gas».

La "Multi-Client 2D seismic acquisition survey offshore Croatia" della Spectrum  copre la maggior parte dell'off-shore croato  con una griglia 5 km x 5 km. L'indagine si collega a dati sismici dell'Adriatico italiano rielaborati da Spectrum, fornendo così una  valutazione a livello di bacino e «Confronti con analoghi campi di produzione di petrolio e gas nel vicino Adriatico italiano Adriatico – dice la società norvegese – l'acquisizione sismica iniziata nel settembre 2013 e si è conclusa il 19 gennaio 2014. Prodotti i finali saranno disponibili dall'aprile 2014».

I dati raccolti dai norvegesi dimostrerebbero quello che gli ambientalisti italiani e croati temono: «L'esistenza di giacimenti di petrolio e di gas» che fanno già gola ad una ventina di multinazionali petrolifere che hanno già acquistato dalla Spectrum la documentazione raccolta, cosa che non disturba Vrdoljak, che anzi ha detto che «Numeri più precisi sulle quantità delle risorse si sapranno dopo un'analisi dettagliata dei dati e un ulteriore ciclo di esplorazioni» e intanto ha annunciato che la Croazia pubblicherà già ad aprile un primo bando per le concessioni gasiere e petrolifere. Una procedura forse un po' troppo "svelta" rispetto alle normative che l'Unione europea ha approvato dopo il disastro della Deepwater Horizon nel Golfo del Messico.

Infatti, il 21 maggio 2013, il Parlamento europeo ha approvato un rapporto che chiede nuovi standard di sicurezza nelle operazioni offshore di petrolio e gas e prevede norme che obbligano le aziende a provare la loro capacità di coprire i danni potenziali e dalle maree nere derivanti dalle loro attività e a presentare una relazione sui possibili pericoli e soluzioni, prima che le operazioni possano cominciare. Ma Vrdoljak tira dritto: «Sembra che la Croazia possa essere uno dei pochi Paesi europei che possiedono molte più risorse di gas e petrolio del loro fabbisogno e potrebbe, entro la fine di questo decennio, trovarsi nella posizione di una piccola Norvegia, diventando uno snodo energetico dell'intera regione». Secondo Vecernji list l'operazione porterebbe nelle casse della Croazia fino a 1 miliardo e 300 milioni di euro in 4 anni.

Attualmente esistono 107 piattaforme offshore dedicate all'estrazione di gas naturale, che sono ubicate per la quasi totalità nel mare Adriatico. In particolare 68 sono operative nel Nord Adriatico (costa romagnola), e 33 in Centro Adriatico.  Proprio  nel  settore petrolifero, attualmente ci sono oltre 12.290 kmq nell'Adriatico centro meridionale italiano, interessati da permessi di ricerca, istanze di coltivazione o per nuove attività  di esplorazione che si aggiungono alle 8 piattaforme già attive.

Il 25 novembre 2013, l'eurodeputato Andrea Zanoni ha  presentato un'interrogazione alla Commissione europea per chiedere indagini sulle ricerche di idrocarburi che la Spectrum sta conducendo lungo le coste croate in Adriatico, denunciando «La pericolosità dei metodi impiegati, con l'emissione ogni dieci secondi di un muro di onde sonore di 240, 260 decibel che rappresentano una fonte di inquinamento acustico subacqueo con possibili effetti negativi sul prezioso ecosistema marino».

I burocrati dell'Ue ha risposto il 23 luglio 2014: «La Commissione è a conoscenza delle attività di ricerca subacquea menzionate dall'onorevole deputato. Gli operatori devono rispettare le disposizioni delle direttive Uccelli selvatici(1) e Habitat(2), sotto la responsabilità dell'autorità competente croata. In particolare, gli Stati membri devono adottare provvedimenti che vietino di perturbare deliberatamente le specie marine rigorosamente tutelate come i cetacei e le tartarughe marine, in conformità all'articolo 12, paragrafo 1, lettera b), della direttiva Habitat.

Tra gli elementi da tenere in considerazione ai fini del rilascio dei permessi vanno annoverati anche gli effetti prodotti sugli ecosistemi marini e sugli habitat vulnerabili, e ciò nel rispetto del protocollo offshore della Convenzione di Barcellona per la protezione dell'ambiente marino e del litorale del Mediterraneo, alla quale l'UE ha aderito nel 2012. La Commissione è attualmente impegnata a verificare se tutti gli obblighi sono stati rispettati ed è in attesa che le autorità croate competenti le forniscano chiarimenti sul progetto in questione. Inoltre, la direttiva quadro sulla strategia per l'ambiente marino(3) fa obbligo agli Stati membri di elaborare strategie per l'ambiente marino finalizzate al conseguimento di un buono stato ecologico delle rispettive acque entro il 2020.

L'inquinamento acustico subacqueo costituisce uno dei principali problemi da affrontare. I Direttori delle Acque degli Stati membri hanno approvato recentemente un documento, di prossima pubblicazione, contenente delle linee guida per il monitoraggio dell'inquinamento acustico subacqueo».

Dopo due anni le autorità governative croate non hanno ancora fornito delucidazioni, mentre si moltiplicano i rischi e l'insensatezza della nuova corsa all'oro nero. Secondo informazioni riportate dal Vecernji list di Zagabria, ci sarebbe la possibilità di attivare circa venti centri estrattivi su piattaforma. Ad oggi le riserve certe sotto tutto il mare italiano sono di appena 9,7 milioni di tonnellate e nei fondali di fronte le coste di M arche, Abruzzo e Puglia, mentre si stima siano presenti 5,4 milioni di tonnellate di greggio nelle acqua prospicienti la Croazia.

Fonte: sulatestagiannilannes.blogspot.it

Riferimenti:
http://www.va.minambiente.it/it-IT/Oggetti/Info/428

http://sinva.ancitel.it/mapviewer/index.html?collection=http://sinva.ancitel.it/WMC/Collection/VA/68ED4BFC-9C14-C14E-B8ED-7522801F106A

http://unmig.mise.gov.it/dgsaie/istanze/elenco.asp?tipo=PPM&ord=A&numerofasi=4

http://unmig.mise.gov.it/dgsaie/istanze/dettaglio.asp?cod=405&numerofasi=4

http://unmig.mise.gov.it/unmig/buig/60-1/60-1.pdf

http://www.spectrumgeo.com/wp-content/uploads/Spectrum-SDX-Adriatic-New-Life-July-2012.pdf

http://www.spectrumgeo.com/wp-content/uploads/2011-06-16-Adriatic-Sea-Reprocessing-Jun-20111.pdf

http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/pubblicazioni/buigmare2015.pdf

http://www.europarl.europa.eu/sides/getDoc.do?pubRef=-%2F%2FEP%2F%2FTEXT%2BWQ%2BE-2013-013366%2B0%2BDOC%2BXML%2BV0%2F%2FIT&language=IT

http://www.europarl.europa.eu/sides/getAllAnswers.do?reference=E-2013-013366&language=IT

http://www.jutarnji.hr/vijesti/hrvatska/raskrinkan-sadrzaj-tajnog-ugovora-bivsi-ministar-gospodarstva-vrdoljak-norvezanima-dao-monopol-na-jadran-i-kopno-od-cak-25-godina/29791/

http://republika.eu/novost/16612/dok-se-vrdoljak-pravda-stern-tvrdi-da-je-vrdoljak-izbjegao-natjecaj-i-da-je-to-pitanje-nacionalne-sigurnosti-dorh-za-sada-suti

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2015/08/addio-adriatico-lassalto-delle.html

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=petrolio

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/search?q=idrocarburi

http://sulatestagiannilannes.blogspot.it/2013/08/italia-lo-stato-svende-i-mari-alle.html

Desideri essere avvisato ogni volta che pubblicheremo un articolo? Attiva il servizio notifiche
LEGGI ANCHE:
Breaking News

Alimentazione, negli anziani un problema da non sottovalutare - Repubblica.it

Alimentazione, negli anziani un problema da non sottovalutare - Repubblica.it

Alimentazione, negli anziani un problema da non sottovalutare

Alimentazione, negli anziani un problema da non sottovalutare
L'ALIMENTAZIONE corretta è un aspetto da non sottovalutare nella terza età. Quando si invecchia le forze diminuiscono, talvolta si è depressi. Difficoltà di salivazione, bronchiti croniche, cattiva dentizione e basso livello mentale possono condurre, più spesso di quanto si pensi, in un apporto alimentare ridotto. La malnutrizione è un male diffuso in questo periodo della vita e va combattuto specialmente nel periodo estivo. Con il caldo l'appetito diminisce e questo può avere conseguenze gravi. Mangiando di meno, il corpo si indebolisce e ha inizio un circolo vizioso che comporta una riduzione progressiva dell'energia fisica e mentale. Se ci si muove in orari caldi e con un apporto alimentare non appropriato, il tutto rende più a rischio lo stato di salute.

LEGGI - Anziani, come difendersi dal caldo: 10 bicchieri d'acqua, pesce azzurro e frullati
 
Alimentazione e idratazione. Negli anziani, si riducono i meccanismi del centro termo-regolatore: ci si abitua più lentamente agli sbalzi di temperatura e viene meno il senso della fame e della sete. È bene dunque fare attenzione al cibo e all'idratazione. E' bene privilegiare alimenti caratterizzati da un elevato rapporto quantitativo tra nutrienti e calorie, così come quelli ricchi di fibre, vitamine e proteine – se necessario integrando gli ultimi tre in modo mirato. Per l'idratazione, poi, è d'obbligo mantenere alto il quantitativo di acqua all'interno del corpo: bere 1,5-2 litri di acqua al giorno, anche se non si ha la sensazione di sete. Se si soffre di disfagia, disturbo della deglutizione, è consigliato l'uso di addensanti, polveri inodori e incolori, in grado di modificare la consistenza dei liquidi. 

Malnutrizione. Il 5-10% degli anziani che vivono nelle proprie case è malnutrito ed è preoccupante che la percentuale di malnutrizione sia di oltre il 30% per gli anziani ospitati nelle strutture geriatriche. L'ostacolo maggiore è la difficoltà di masticazione che può comportare carenze nutrizionali anche gravi. Questa 'inabilità acquisita' incide negativamente sulla qualità della vita, sia sul benessere sociale e psicologico – si può provare disagio – sia su quello fisico. Ad esempio, anche per questo motivo, frutta e verdura sono raramente presenti nella lista della spesa di molti anziani: solo il 37% introduce 3-4 porzioni al giorno, mentre il 55% ne consuma solo 1-2 porzioni.

Cattiva alimentazione, apporto nutrizionale insufficiente e malnutrizione, la triade che va messa fuori gioco. Ma forse quella che ha maggior rilevanza tra tutte è l'insufficiente apporto proteico-calorico. "La malnutrizione proteico-calorica consiste - afferma Michela Barichella, presidente della Brain and Malnutrition Chronic Diseases Association di Milano - in un inadeguato introito di energia e di proteine che può portare a conseguenze come perdita di peso, diminuzione della massa muscolare e riduzione della risposta immunitaria. Proprio per evitare queste conseguenze, e continuare a condurre uno stile di vita attivo, si consiglia di adattare la propria alimentazione alle esigenze dell'età adulta".